Michael Jackson, dottor Murray colpevole di omicidio colposo

Conrad Murray(KIKA) — LOS ANGELES - "Giustizia è stata fatta", queste le prime parole di La Toya Jackson, sorella di Michael, in seguito alla sentenza della giuria popolare che ieri ha dichiarato colpevole di omicidio colposo involontario l'imputato Conrad Murray.

I fan in delirio fuori dal tribunale: guarda le foto

Il medico personale del re del pop è stato quindi giudicato responsabile di aver somministrato il Propofol, un anestetico solitamente utilizzato in sala operatoria che provocò l'arresto cardiaco e la conseguente morte del cantante, il 25 giugno del 2009.
"Sono contenta che sia finita — ha detto la sorella — nessuno e niente riporteranno indietro mio fratello, ma sono soddisfatta che (Murray) sia stato ritenuto colpevole". Nell'aula del tribunale di Los Angeles, oltre a La Toya, c'erano anche l'altra sorella Janet, che aveva accorciato il suo tour australiano proprio per essere presente, i fratelli Randy e Jermaine e i genitori Joe e Katherine.
"Abbiamo aspettato questo momento per molto tempo e non riuscivamo a trattenere le lacrime di gioia all'interno del tribunale — hanno scritto mamma e papà in un comunicato - Anche se nessuno potrà restituirci nostro figlio, giustizia è stata fatta. Ora possiamo tornare a casa e passare la giornata coi nostri nipoti".
Il giudizio è stato raggiunto dopo nove ore di camera di consiglio. Il medico, che si è sempre dichiarato non colpevole delle accuse che gli sono state attribuite in questi anni, è ora in stato di custodia e vi resterà fino al 29 novembre, quando il giudice Michale Pastor si pronuncerà sulla pena che dovrà scontare.

I video di VEVO su Yahoo Celebrity

Da non perdere su Celebrity