Lorella Cuccarini non doveva chiamarsi così

A breve di nuovo su Rai 1 con la 'sua' Domenica In, Lorella Cuccarini si coccola l'esperienza radiofonica chiamata Citofonare Cuccarini, in onda tutti i giorni su Rai Radio1 dalle 17.40 alle 19. Un titolo che certifica il 'marchio' della conduttrice, per anni 'donna più amata dagli italiani'. Eppure agli esordi, negli anni 80, il cognome della bionda Lorella non convinceva più di tanto, tanto dall'essere arrivati ad un passo dal farlo sparire...

"Legata a questa esperienza radiofonica c'è una piccola rivincita. Il fatto che nel titolo della trasmissione abbiano inserito il mio cognome. E pensare che all'inizio della mia carriera volevano farmelo cambiare... ".

Intervistata sul settimanale Vero, la Cuccarini svela così un clamoroso retroscena. Cosa sarebbe stata Lorella senza quel cognome 'garanzia' che in 3 decenni tutti noi abbiamo imparato ad amare? Probabilmente non lo sapremo mai.

A lanciare la Cuccarini, come tutti saprete, Pippo Baudo. Fu lui a notarla tra le ballerine di fila in una convention pubblicitaria dei gelati Algida, tanto da volerla al suo fianco nel 1985, in Fantastico 6, con tanto di sigla ad hoc: Sugar Sugar. Il 1986 è l'anno della consacrazione. Con Fantastico 6 diventa una diva. Canta e balla due sigle, Tutto matto e L'amore è, e diventa ufficialmente 'Lorella Cuccarini'.

Un nome, e soprattutto un cognome, una garanzia!

I video di VEVO su Yahoo Celebrity

Da non perdere su Celebrity