Festival di Sanremo 2012: 10 momenti da ricordare

Emma marroneCala il sipario su Sanremo 62... ma domani, dopodomani, tra un mese o un anno cosa ci ricorderemo di questo Festival?

Ecco 10 momenti che nel bene o nel male hanno lasciato un segno...

1. Adriano Celentano. Che vi piaccia o meno, è stato il Festival del molleggiato. Attesissimo prima della kermesse, seguitissimo la prima sera, criticato dalla Rai il giorno dopo e contestato dal pubblico nella serata della finale. Insomma è stato un Sanremo scandito dal super ospite. Una presenza importante sul palco, un traguardo per Morandi e il direttore artistico Mazzi. Ricorderemo sicuramente l'attacco alla Chiesa e ai due giornali, Avvenire e Famiglia Cristiana, che per Celentano 'dovrebbero chiudere'.

2. Il trionfo (annunciato) di Emma. Una finale al femminile... Tre le finaliste: Emma, Arisa e Noemi. A trionfare è stata proprio la vincitrice di Amici cha a Sanremo ha portato una canzone di Kekko Silvestre dei Modà, 'Non è l'inferno'. Un testo impegnato che parla del contesto sociale attuale, di una famiglia che fatica arrivare a fine mese. Un testo difficile da rendere popolare, ma è anche questa la forza di Emma.

Foto: le lacrime di gioia di Emma Marrone dopo la vittoria

3. La farfalla di Belen. Forse il momento più trash di tutta la storia del Festival. Durante la seconda serata, Belen Rodriguez scende la scalinata dell'Ariston, lo spacco dell'abito svolazza e in diretta tv Belen scopre le sue grazie. Il giorno dopo il tormentone: ha o non ha le mutande? Le ha, assicura la showgirl. Grazie Belen per la precisazione.

Emma    Emma conferenza Emma e la maternità

4. La foca. Un altro momento trash, ma simpatico. Il balletto della foca di Rocco Papaleo. Un tormentone che ha coinvolto anche Morandi, il pubblico e persino la prima fila dell'Ariston, composta dai vertici Rai e dal direttore artistico Gianmarco Mazzi.

5. Gigi-dance: l'Ariston si trasforma in una discoteca con il duetto di Loredana Bertè e Gigi D'Alessio con Fargetta. E il duo Berté/D'Alessio - dopo essere stato eliminato - è quasi arrivato sul podio. Erano in terza posizione ma poi il voto della sala stampa, attraverso il golden share, ha fatto scalzare Noemi nella triade di finaliste.

Foto: il nude look di Ivana

6. Ivanka o Ivana, la valletta malata. Prima di tutto il nome. Si chiama Ivana, ma Gianni Morandi la chiama Ivanka perché più dolce. "Ivana c'è o non c'è?". Questo il tormentone prima del debutto del Festival. E la modella ceca manca la prima puntata per un problema al collo. Strategia di marketing o problema di salute? Soluzione last minute per il debutto: Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez anticipano la loro presenza all'Ariston. Ivana arriva dalla seconda serata. Poche le apparizioni sul palco, un paio di balletti ma la battuta migliore. Dopo venti minuti di monologo di Alessandro Siani, Ivanka commenta: "E' stato molto divertente. Non ho capito niente". Geniale.

Carone   Dolcenera  Guazzone

7. Rocco Papaleo. La vera rivelazione di questo Festival. Una presenza tagliente, pungente, divertente. Proprio Rocco ha registrato il picco di ascolti dell'ultima serata durante la sua esibizione.

8. Pochi, pochissimi ospiti. Si contano su due mani.. Ma sono alcune rarità che a Sanremo si vedono. Oltre alle classiche ospitate (tipo Federica Pellegrini, Sabrina Ferilli, Anna Tatangelo e il cast di Ballando con le stelle), ci sono stati i Soliti Idioti e Geppi Cucciari che con le loro battute hanno dato ritmo al Festival.

9. La musica. A parte la prima sera, dove ha dominato Celentano, per il resto del Festival la musica è stata la vera protagonista. Due le serate dedicate ai duetti, tra cui spicca la presenza di Bryan May in duetto con Irene Fornaciari e Patty Smith con i Marlene Kuntz. Da dimenticare Shaggy con Chiara Civello. E a proposito di Chiara Civello... Poco conosciuta prima del Festival, anche dopo Sanremo non avrà uno spazio nei ricordi.

10. Il motto del Festival: "Stiamo tecnici". Dopo lo 'Stiamo uniti' del 2011, il motto del 2012 è cambiato. E a rappresentare questo leit motiv - che fa il verso al governo tecnico - ci pensa Rocco Papaleo, che ogni sera con il suo loden ricorda a tutti che c'è la crisi.


Da non perdere su Celebrity