Alessandra Martines: «Un bambino a 49 anni, da un papà di 29»

Cover«Ogni giorno mi misuro la pancia: è l'unico momento, nella vita di una donna, in cui siamo contente di avere un metro di girovita». Alessandra Martines, quasi 49 anni e al quinto mese di gravidanza, posa insieme al compagno Cyril Descours, che ne ha appena compiuti 29. Insieme raccontano della ricerca di un figlio e del loro amore.
Questo figlio è stato cercato?
«Moltissimo. Era da un anno che lo aspettavamo, ma lui non arrivava».
Un anno di attesa è la normalità anche per donne in età più fertile della sua.
«L'abbiamo passato facendo molto l'amore. È stato il bambino a scegliere quando arrivare».
Significa che non si è aiutata in nessun modo?
«Esatto: sono rimasta incinta naturalmente».
Non ha mai temuto che non arrivasse?
«Nell'anno in cui l'abbiamo cercato, ogni volta che mi tornava il ciclo erano pianti. Ma ho provato a restare positiva».

Guarda le foto di Alessandra Martines insieme al suo compagno Cyril Descours.

Se questo bambino non fosse arrivato naturalmente, avrebbe fatto ricorso alla scienza?
«Non lo so, non ho voluto pensarci. Prima, di certo, ne avrei parlato con Cyril. Ma sono favorevole a qualsiasi mezzo che consenta alle donne di avere figli, e non penso solo a quelle fuori tempo massimo: ci sono tante ragazze giovani che non riescono ad averne, e la loro forse è la tristezza più grande».
Spesso si è scettici sulla durata di un legame tra una donna matura e un uomo tanto più giovane. Guardi che cosa è successo a Demi Moore.
«Sempre il solito discorso: se fossi un uomo nessuno si scandalizzerebbe. Stavo con un marito (Claude Lelouch, l'ex marito e regista premio Oscar, ndr) che aveva 26 anni più di me e nessuno aveva niente da ridire. E il matrimonio è finito, dopo tanto tempo, come finiscono i matrimoni tra coetanei: l'età non incide sulla tenuta di un legame, che è sempre una lotteria.

Alessandra Martines: dal matrimonio con un uomo di 74 anni, alla storia d'amore con un ragazzo di 28.

Proprio ieri sera ho scoperto che Goethe era innamorato di una donna più grande di lui di dieci anni. Ho detto a Cyril: non siamo per niente moderni».
Lei è cugina di Carla Bruni: è girata voce che anche lei fosse di nuovo incinta.
«Bugie. L'hanno scritto solo perché ha il viso più pieno per la recente maternità». 
Pieno di botox, direbbero i maligni.
«Purtroppo Carla è molto invidiata».

Carla non risulta simpatica alle donne.
«Ed è un peccato, perché lei invece le ama. Ha subìto di riflesso la campagna di aggressione contro suo marito. I francesi hanno votato Hollande senza rendersi conto della sua demagogia: voglio vedere quante promesse riuscirà a mantenere, con la situazione economica in cui ci troviamo».
Forse la cosa che non convince, di Carla, è la trasformazione da modella trasgressiva e "di sinistra" a first lady in tailleur.
«Io invece trovo meraviglioso che una donna possa cambiare per amore. Perché lei ama sinceramente suo marito. Alla faccia delle cattiverie e delle volgarità che le vengono rovesciate addosso».
Quelle vulgarité, direbbe Fiorello.
«E la prima a ridere, di quell'imitazione, è lei».

Mamme over 40: Uma Thurman è la preferita. Guarda la gallery della classifica.

L'intervista completa sul n° 30 di Vanity Fair, in uscita mercoledì 25 luglio

I video di VEVO su Yahoo Celebrity

Da non perdere su Celebrity